La corsa del secolo

GIOVEDI  14 NOVEMBRE – INCONTRO

Ore 17.30 – Auditorium

LA CORSA DEL SECOLO

Con Gioachino Lanotte, docente di Storia Contemporanea all’Università Cattolica di Milano, e Marco Pastonesi, scrittore e giornalista sportivo

Il 14 luglio 1948 ci fu l’attentato – tre colpi con una calibro 38 – a Palmiro Togliatti, segretario del Partito comunista italiano. Verso le nove di sera, Alcide De Gasperi telefonò a Gino Bartali. De Gasperi, presidente democristiano del Consiglio dei ministri, e Bartali, campione di ciclismo. Si davano del tu. “Gino, puoi ancora vincere il Tour?”, “Domani c’è la prima grande tappa alpina, da Cannes a Briançon, duecentosettantaquattro chilometri durissimi”, “Devi vincere”, “Non prometto di vincere, ma di fare bella la corsa”. Bartali fu di parola: incendiò la corsa e ribaltò la classifica. Intanto Togliatti migliorò, e se il Paese tornò lentamente alla normalità, fu grazie anche allavittoria di Bartali.

I materiali sonori e audiovisivi sono tratti in buona parte dall’archivio dell’ICBSA.